L’acqua quali benefici e quali attenzioni

Il nostro pianeta  è per  la maggior parte acqua: ovunque  è presente la vita è presente anche l’acqua, essa costituisce la quasi totalità della materia vivente.

 

Si dice che  l’acqua è vita, l’acqua è alla base dell’immaginazione dei sogni ma anche dei rituali religiosi in tutti i continenti. Dalla Genesi alla mitologia Indù e al Corano, l’Acqua è citata come luogo di nascita delle creature animate e inanimate dell’Universo. Ha  significati molteplici, è stata oggetto di interpretazioni illustri che svelano le profondità del pensiero umano.. È l’elemento in movimento, che scorre e può generare cambiamenti, rappresenta il flusso stesso del cambiamento. In nessun momento è uguale a se stessa. L’acqua è espansione e profondità, è ricettiva e purificante, è terapeutica, portatrice di energie segrete e guaritrice. Nella filosofia induista l’elemento acqua viene associato al piano (astrale) delle emozioni, dei sentimenti che sono sempre in movimento: qui risiedono le energie più potenti degli uomini che si esprimono attraverso, odio-amore, gelosia-fiducia,rabbia-calma ecc …

L’Acqua fa parte degli elementi che compongono, che hanno dato origine e che sottintendono a tutte le cose create e/o conosciute.

I quattro elementi si trovano già elencati dal filosofo ionico Anassimene di Mileto (VI secolo a.C.) e poi da Empedocle (ca. 450 a.C.), il primo a proporre quattro elementi e li chiama rizòmata, ‘radici’ di tutte le cose, immutabili ed eterne.

Secondo una interpretazione Empedocle indicherebbe Zeus (Giove), il Dio della Luce Celeste come il Fuoco, Era (Giunone), la sposa di Zeus è l’Aria, Edoneo (Ade), il dio degli inferi, la Terra e infine Nesti (Persefone, secondo alcuni studiosi), l’Acqua.

L’unione di tali radici determina la nascita delle cose e la loro separazione, la morte. Si tratta perciò di apparenti nascite e apparenti morti, dal momento che l’Essere, il Reale Essere (le radici) non si crea e non si distrugge, ma è soltanto in continua trasformazione.

Quello che sempre mi ha affascinato sono le forme dell’acqua, dal vapore acqueo al ghiaccio; non solo, pensiamo alle forme di vita nate nell’acqua o al liquido amniotico dentro cui ha origine la vita di un essere umano. Tutto ciò appare misterioso e come scritto sopra tutte le religione le hanno attribuito un significato importante, quello della purificazione. Anche per il nostro organismo ha una funzione purificatrice e disintossicante.

Quando si parla di effetto disintossicante dell’acqua si intende l’espulsione delle tossine e residui non utili all’organismo attraverso l’urina. L’urina è il prodotto finale della escrezione del rene attraverso la quale vengono eliminati dall’organismo i prodotti metabolici (scorie dannose, soprattutto urea) presenti nel sangue.

L’espulsione di urina non è l’unico mezzo con cui perdiamo liquidi corporei: oltre al sudore, infatti, circa mezzo litro viene disperso con la ventilazione in fase di riposo, e si disperde acqua anche con l’espulsione delle feci. Viceversa, all’incirca mezzo litro d’acqua viene prodotto quotidianamente grazie alle reazioni biochimiche. Quindi l’approvvigionamento dell’acqua per il nostro corpo avviene sia per la trasformazione dei cibi ingeriti sia per l’introduzione dell’acqua durante la giornata.

Esiste l’intossicazione da troppa acqua? Si esiste

Il rene regola la quantità d’acqua presente nell’organismo ma esistono dei casi particolari in cui un eccesso di acqua sbilancia l’equilibrio del sodio presente nell’organismo e diluisce il plasma in modo squilibrato, creando degli scompensi metabolici. Come sempre il nostro organismo è una macchina perfettamente bilanciata ed equilibrata e tale dobbiamo mantenerla, quindi evitare gli eccessi sia il troppo che il troppo poco creano squilibri.

L’equilibrio sta sempre in centro

Se volete parlare dell’acqua ai vostri bimbi vi consiglio un libro, prestatomi da Francesca di https://famigliatuttofare.blogspot.com/

Risultati immagini per libro ah l'acqua

Come sempre scrivetemi per qualsiasi informazione e/o curiosità

BUONA LETTURA!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *